Top
Tipicità-di-Lampedusa-spiaggia-conigli
Il mezzo di trasporto adatto
Nonostante le dimensioni ridotte dell’ isola, di appena 20 kmq, avere a disposizione un mezzo per spostarsi a Lampedusa è essenziale. Noi abbiamo scelto uno scooter 125 cc, a mio parere la soluzione perfetta per chi viaggia in coppia.

Una valida alternativa per famiglie e piccoli gruppi, che è anche una tipicità di quest’ isola, è rappresentata dai meari. Questi mezzi dall’ aspetto insolito vantano una media di 40 anni di vita per ciascuno e sono adatti anche a percorsi accidentati su strade bianche. Di produzione francese, variopinti e ben ventilati, assolutamente privi di servosterzo e con il cambio “al contrario” come la mitica 2 CV, si trovano un po’ ovunque in giro per Lampedusa. Sino ad ora mi è capitato di vederli solo qui e con questo aspetto esotico ed accattivante hanno decisamente attirato la mia attenzione.

Variopinti meari immortalati in vari punti dell’ isola

Ovviamente si possono noleggiare anche autovetture più convenzionali.

Altri tratti salienti

Fermo restando che almeno un giro in barca va fatto (e lo consigliano tutti), a meno che tu non ne possieda una, il resto del tempo ti avvarrai di un mezzo a due o quattro ruote. A zonzo per l’ isola vedrai sicuramente un’ altra particolarità di questo luogo: i dammusi. Sono abitazioni costruite in pietra a secco che si intonano a meraviglia con l’ ambiente, una terra brulla con scarsa vegetazione.

A Lampedusa c’ è solo un centro abitato di rilevanza, è opportuno trovarsi una sistemazione non troppo distante dal paese in modo da avere a portata di mano tutti i servizi. Disseminati qua e là si trovano gastronomie, ristorantini, gelaterie, piccoli negozi, banchetti che vendono ortaggi, pesce fresco o prodotti tipici. Talvolta assumono forme insolite e variopinte, per dare ancora più nell’occhio.

Bellissimo esempio di dammuso sulla sinistra e ambulante che propone prodotti locali a destra
La spiaggia delle spiagge

Prescelto il mezzo idoneo agli spostamenti e trovata la sistemazione adeguata, una meta imprescindibile per chi si reca a Lampedusa è la celeberrima spiaggia dei conigli. Compare a buon diritto nelle classifiche delle spiagge più belle d’Italia e d’Europa, con la sua sabbia chiara che al tatto sembra davvero borotalco e una limpidezza che ti lascia senza parole. Il percorso per raggiungerla è abbastanza agile ed ampio, segnalata benissimo, non ha servizi una volta arrivati in fondo alla discesa per cui se ti servono lettini, ombrellone e viveri provvedi prima di scendere.

Per noi è stata la prima ed azzeccatissima scelta; avevamo dormito pochissimo, con il volo in partenza alle 5 del mattino prevedevamo di trascorrere il primo giorno a letto. Invece, complice l’ adrenalina per il viaggio e l’ emozione di essere arrivati a destinazione, il riposino l’ abbiamo potuto fare qui, sotto il caldo sole di fine Settembre, in un luogo che mi ha rubato un pezzetto di cuore. Andrò presto a riprendermelo.

Spiaggia-dei-conigli-Lampedusa
Spiaggia dei conigli

Non vedi l’ ora anche tu di raggiungere questo Paradiso a due passi da casa? Allora scrivimi, che cosa stai aspettando?

Se ti è piaciuto, condividi!

Viaggiatrice per passione

Comments:

  • Claudio Martinolli

    2 Ottobre 2020

    Curiosità. La spiaggia quando ci sono stato 30 anni fa si chiamava “Vallone dello scoglio”. Lo scoglio era appunto l’isola dei conigli di fronte alla spiaggia, ricca un tempo di coniglietti selvatici. Ma oggi tutti la conoscono per spiaggia dei conigli…

    reply...
  • La mamma

    23 Ottobre 2020

    Come sempre mi colpisce il tuo modo di descrivere i luoghi che visiti…mi viene voglia di fare i bagagli ed andare a vedere per poi condividere con te quelle meraviglie. Storia, natura, cultura: tutto mi affascina e incuriosisce. Brava bambina continua così!

    reply...

post a comment